LA RIVOLUZIONE DEL GREENTECH ITALIANO

Sopralluogodigitale

Cessione del creditofino al 65%

Pagamentipersonalizzati

Pacchetto"chiavi in mano"

Chiamaci: 0238002100
(lun-ven 9-19)

Climatizzatori con gas R32: la scelta giusta per l’ambiente

climatizzatori-gas-r32climatizzatori gas R32 stanno invadendo il mercato del raffreddamento soprattutto a causa della crescente attenzione dei legislatori e consumatori sulle emissioni di sostanze nocive, in un'ottica green ed eco-sostenibile.
A partire dal 1 gennaio 2015, infatti, l'Unione Europea ha previsto lo stop definitivo dell'uso e della distribuzione del precedente gas R22, diventando così proibito e illegale (Regolamento CE 2037 del 2000, recepito in Italia dal D.P.R. 147 del 15 febbraio 2006).
Il gas R22 insieme ad altri refrigeranti meno utilizzati in commercio è stato così ritenuto nocivo per lo strato di ozono e per questo tutti i produttori hanno dovuto virare verso soluzioni di nuova generazione con i nuovi climatizzatori prima con gas R410A ed ora con gas R32.


E' importante ricordare che l'uso di gas R410A in Europa a partire dal 2025 sarà vietato nei climatizzatori monosplit con caricare refrigerante inferiore ai 3 kg, ma non nelle altre applicazioni che restano invariate. Vediamo meglio nel dettaglio cos'è il nuovo gas R32 e quali sono i vantaggi e gli svantaggi che derivano dal suo utilizzo.

Che cos'è il gas refrigerante R32

Il gas refrigerante R32 è un gas moderno e di nuova generazione già in commercio da diversi anni e presente in numerosi modelli di climatizzatori.
Prima del gas R32, tra i refrigeranti più utilizzati c'era il gas R410A composto per metà da R125 e per l'altra metà proprio da gas R32.
Il refrigerante R410A non è dannoso per lo strato di ozono e per questo motivo negli anni si è affermato come sostituto del R22 nei climatizzatori. Gli studi e le ricerche di nuovi refrigeranti sono però in continua evoluzione ed hanno l'obiettivo di ridurre sempre più l'impatto ambientale, raggiungendo livelli di efficienza sempre maggiori per garantire il benessere dei consumatori e la sicurezza nel funzionamento delle macchine stesse.
Ed è in quest'ottica che deve leggersi l'impiego del refrigerante R32 nei climatizzatori: questo gas garantisce elevate performance con un impatto ambientale ridotto, in ottima sintonia con quanto richiesto dalle normative europee.

Cosa cambia nell'installazione di climatizzatori con gas R32?

I climatizzatori gas R32 sono del tutto simili nella struttura e nel funzionamento ai climatizzatori che utilizzano il gas refrigerante R410A. I collegamenti sono gli stessi, le tubazioni esistenti possono essere riutilizzate e l'installazione è facile e veloce.
Un cambiamento, in positivo, riguarda le operazioni di installazione e manutenzione che si semplificano notevolmente. La carica nei climatizzatori con gas R32 è più facile perché, trattandosi di un gas puro, è più facile da recuperare e riutilizzare.

climatizzatori-gas-r32Vantaggi dei climatizzatori gas R32

Rispetto alle macchine con gas R410A, il nuovo refrigerante mantiene un valore di ODP - il potenziale di impoverimento dello strato di ozono - pari a zero.

Il grande vantaggio si ha nel valore di GWP - l'indice dell'effetto serra che è causa del riscaldamento globale - che passa da 2087 a 675 kg di CO2 equivalenti, quindi il gas R32 è 3 volte meno dannoso rispetto al gas R410A.

A livello impiantistico, come detto, le differenze non sono significative e si ha un leggero aumento della pressione con un miglioramento dell'efficienza che dovrebbe attestarsi attorno all'8-10%. Il resto del miglioramento dell'efficienza è dovuto a un eventuale riprogettazione della macchina.

Per chi fa manutenzione, l'unico obbligo è quello di dotarsi di un'attrezzatura compatibile ma, superato questo scoglio, la gestione di eventuali ricariche di refrigerante diventa più semplice perché si ritorna all'utilizzo di un gas puro e non di una miscela. Ritorna quindi possibile eseguire rabbocchi di refrigerante come si faceva con il vecchio R22 - ormai abolito - senza timore di ritrovarsi con miscele di refrigerante compromesse.

Quindi riassumiamo i vantaggi dei climatizzatori con gas R32:

  • Alta efficienza dal punto di vista energetico
  • Minore necessità di carica refrigerante
  • Lieve impatto ambientale - in termini di GWP - in caso di perdita improvvisa di gas
  • Installazione e manutenzione equivalenti a quelle dei gas R410A

Difetti dei climatizzatori gas R32

Il gas R32 è un gas classificato come leggermente infiammabile e quindi va maneggiato e stoccato con alcune precauzioni, soprattutto se abbiamo a che fare con quantitativi elevati di gas.
A livello di installazione non ci sono problemi se il sistema installato ha poco quantitativo di refrigerante poiché il livello di concentrazione che determina il limite di infiammabilità è pari a 306 grammi al metro cubo.
Considerando impianti monosplit e multisplit che contengono ridotte quantità di refrigerante non sussistono quindi potenziali pericoli per chi decide di installare a casa propria un climatizzatore con gas R32.
Più difficile sarà vedere grossi impianti destinati ad uffici, alberghi e simili con gas R32 perché questi impianti contengono enormi quantitativi di gas e potrebbe verificarsi il reale pericolo di incendio in caso di perdita accidentale di refrigerante.
Ovviamente, le scintille prodotte dagli interruttori e l'elettricità statica non hanno sufficiente energia per infiammare il refrigerante R32 poiché, affinché ciò avvenga, è necessario che la temperatura si alzi almeno fino a 650°C.